Arriva “Italia Creativa”, lo studio sulla cultura

0
Share

Domani alla Triennale di Milano, ore 15.00, verrà presentato il primo studio sull’industria della cultura e della creatività italiana. Realizzata da Ernst & Young, con il supporto delle associazioni di categoria guidate dal Ministero dei Beni Culturali, la ricerca ha lo scopo di offrire una visione completa del sistema culturale del nostro paese.

I settori che verranno analizzati sono ben undici:

Architettura, Arti Performative, Arti Visive, Cinema, Libri, Musica, Pubblicità, Quotidiani e Periodici, Radio, Televisione e Home Entertainment, Videogiochi.

Tra gli interventi, insieme con il Ministro Dario Franceschini e con il Presidente SIAE Filippo Sugar si susseguiranno

Francesca Cima: Produttrice di Indigo Film

Sergio Escobar: Direttore del Piccolo Teatro di Milano

Christian Greco: Direttore del Museo Egizio di Torino

Riccardo Luna: Digital Champion per l’Italia

Ernesto Mauri: AD del Gruppo Mondadori

Andrea Zappia: Amministratore Delegato di Sky Italia

“Italia Creativa dimostra esattamente quanto i diversi settori dell’industria culturale italiana contribuiscano all’economia del Paese in termini di occupazione e fatturato. È nostro preciso dovere – ha spiegato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – adoperarci per favorire al massimo ogni espressione di questo settore, garantendo le corrette condizioni di mercato, contrastando pirateria e contraffazione e riconoscendo il giusto compenso a chi vi opera con il proprio talento. Questo vuol dire pensare al futuro del nostro Paese e tornare a fare dell’Italia il Paese delle Arti e della Bellezza”.

“L’Italia Creativa è il cuore e il cervello del corpo economico del nostro Paese. Il settore culturale e creativo – ha dichiarato il Presidente SIAE Filippo Sugar – è infatti pieno di start up: ogni autore, ogni artista che inizia a pensare di dedicare la sua vita alla creatività o comunque a realizzare opere nuove è, di fatto, una start up. Quindi da sempre questa è un’industria fortemente legata all’innovazione, e l’innovazione è fonte di rottura, di pensieri nuovi, di libertà”.

clicca mi piace
The following two tabs change content below.
Due mie passioni si incontrano qualche tempo fa, quella per la scrittura e quella per il mio paese, nasce così il Blog del Made in Italy. E come si potrebbe non amare l'Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: l'Italia (Henryk Sienkiewicz)
Share

Rispondi

Benvenuto in Made Italia! Clicca