Federica Pellegrini in burkini e il falso intimo nella rassegna di questa settimana

0
Share

Lunedì 26 settembre si è conclusa Milano Moda Donna, la settimana della moda italiana. In evidenza tra le ultime sfilate, a chiudere la rassegna 2016, la collezione di costumi da bagno di Raffaella D’Angelo, affermata stilista che di anno in anno stupisce per lo stile innovativo. Madrina dell’evento la campionessa olimpica Federica Pellegrini:

t1gz2nbcIn passerella una collezione estremamente moderna che esprime la tradizione, il Made in Italy e propone pezzi unici realizzati con creatività sartoriale, una collezione versatile, sensuale, audace e solare. Variegata la gamma cromatica: rosa, verde, bianco, arancio, beige, oltre al tema floreale che evidenzia l’anima romantica della stilista. Segno di modernità è la realizzazione del burkini in un morbido tessuto elasticizzato, lo stesso dei costumi da bagno. Un capo nei temi moda del gusto italiano che al contempo rispetta la cultura delle donne che lo indosseranno: gambe coperte con fuseaux, una maglietta molto lunga e con le maniche, un cappuccio che lascia scoperto il viso. L’effetto è molto sensuale: la fisicità non è essenziale per essere sensuali. L’intento è vestire ogni donna che entra in acqua, a 70 anni dalla nascita del bikini, trasmettendo il Made in Italy a tutte le culture. Presente anche Federica Pellegrini, che ha sfilato per l’amica Raffaella D’Angelo per la quarta volta: una donna portatrice di quei valori sani, seri, sportivi che dovrebbero essere presi in considerazione da ognuno di noi. La donna che sceglierà il proprio outfit per andare al mare nella prossima estate non avrà che l’imbarazzo, con la certezza di scegliere un capo che risente estremamente e fortemente della tradizione italiana, ricca di quella qualità, eleganza e raffinatezza propria del Made in Italy. (da ilGiornale.it).

 

Vanno a ruba, nel senso letterale del termine, i capi di abbigliamento intimo nella capitale. Sequestrati dalla Guardia di Finanza in un magazzino a Roma indumenti con false etichette Made in Italy:

images273jxmeaUn giro d’affari di 4,5 milioni di euro. E’ quanto i finanzieri hanno sequestrato, presso una società operante nel commercio all’ingrosso d’abbigliamento a Tor Cervara. Un blitz che ha permesso di scoprire un ingente quantitativo di capi di vestiario recanti false certificazioni circa la qualità e l’origine. L’operazione, volta alla tutela dei consumatori e al controllo della sicurezza prodotti, ha consentito ai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma di individuare e ispezionare “un’impresa gestita da cittadini di origine cinese in via Melibeo presso la quale è stata rinvenuta merce importata, recante diciture ingannevoli circa qualità e provenienza dei prodotti”. La successiva perquisizione del magazzino della società ha portato al sequestro di oltre 900mila capi di abbigliamento, in prevalenza intimo, recanti false certificazioni ‘Made in Italy’ per un valore sul mercato di oltre 4,5 milioni di euro. Sono stati, pertanto, denunciati alla locale Autorità Giudiziaria i due soci della società, entrambi cinesi. (da romatoday.it)

 

 

clicca mi piace
The following two tabs change content below.
Due mie passioni si incontrano qualche tempo fa, quella per la scrittura e quella per il mio paese, nasce così il Blog del Made in Italy. E come si potrebbe non amare l'Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: l'Italia (Henryk Sienkiewicz)
Share

Rispondi

Benvenuto in Made Italia! Clicca