Moda, camion e novità tecnologiche nella rassegna settimanale

0
Share

Settimana particolarmente intensa in ambito Made in Italy, ricca di notizie e novità. Tra tutte merita il primo posto la decisione del governo di continuare ad investire somme ingenti sul settore Moda e Tessile:

imagesri5puqxvIl governo continuerà a sostenere il sistema del Made in Italy attraverso il rifinanziamento, per il prossimo triennio, dell’attuale piano straordinario con le stesse cifre degli anni passati. “Lo proporremo nella legge di stabilità” ha assicurato  Ivan Scalfarotto, sottosegretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico, a margine dell’inaugurazione della mostra Crafting The Future realizzata al Mudec di Milano. L’attuale piano per il Made in Italy per il biennio 2015-2016 prevede investimenti per circa 260 milioni di euro, di cui 45 milioni solamente per il tessile e l’abbigliamento e 60 milioni tenendo conto anche di occhiali e cosmesi con un 30% destinato a fiere ed eventi. Scalfarotto ha spiegato che il settore della moda è considerato un settore chiave, non solamente per i suoi oltre 60 miliardi di fatturato, ma come bandiera dell’italianità. “La moda – ha ricordato – è la seconda voce delle nostre esportazioni. Nessun settore ha una capacità evocativa del nostro Paese come la moda”. (da milanofinanza.it)

Sulla stessa linea il premier Matteo Renzi ospite all’inaugurazione della Settimana della Moda:

untitled“È la seconda volta che inauguro Milano Moda Donna, spero che non mi denunciate per stalking, anche perché intendo partecipare a tutte le prossime manifestazioni. Vi dico che il governo è pronto a fare molto per la moda, ma vi chiedo tutti insieme di dare una mano, perché l’Italia torni ad essere, al G7 (nel 2017 a Taormina, ndr) e nel mondo, quello che deve essere: costruttrice di speranza in un mondo che sceglie il risentimento. Sono certo che insieme ce la faremo – ha detto Renzi agli invitati al pranzo del Mudec – Ho imparato da sindaco di Firenze l’importanza e la rilevanza del mondo della moda per l’economia, per le piccole e medie imprese, per l’indotto. E allora sarebbe un clamoroso errore se noi non accettassimo la sfida del cambiamento – ha detto Renzi – Se mi piace di più la moda o la Fiorentina? Sono domande – ha poi scherzato – che non si fanno, perché può immaginare la mia risposta. Diciamo che da presidente del Consiglio sosteniamo la moda, da cittadino sosteniamo la Fiorentina”. (da corriere.it)

Importanti novità arrivano dai motori, in particolare dai nuovi camion presentati al salone di Hannover, evento imperdibile per gli appassionati del settore:

camionInnovazione, made in Italy. E il gusto di essere nella “tana dei leoni tedeschi” per competere. Con questo spirito imprenditori e manager, dal più grande al più piccolo, sono presenti in forza al Salone internazionale del veicolo commerciale e industriale IAA “Driven by ideas” che da oggi è ufficialmente aperto al pubblico alla Fiera di Hannover, con 2.013 espositori provenienti da 52 Paesi, per il 61% stranieri e – tra questi – con i nostri 145 espositori in ottima posizione, secondi soltanto ai cinesi (che sono 229). Pierre Lahutte, per esempio, brand president Iveco, parla con orgoglio di “Iveco Z Truck” il concept di camion-motrice a impatto zero per le lunghe distanze presentato in anteprima mondiale. Funziona a gas naturale liquefatto (Lng) e biometano, ha un sistema di guida autonoma. “Guardiamo al futuro – dice – il veicolo ha 29 brevetti, un sistema assolutamente sostenibile. Stanno cambiando gli scenari, il mercato è ancora irrequieto, ma l’Italia è avanti. Sperimenta l’intermodalità con intelligenza e, soprattutto, ha un know how invidiabile sull’utilizzo del gas nei trasporti. Da vent’anni lavoriamo su questo fronte, ma bisognerà migliorare la distribuzione”. (da ilsole24ore.com)

Invenzioni futuristiche, nate dall’ingegno italiano, verranno presentate al Maker Faire di Roma (14-16 ottobre) evento europeo dedicato all’innovazione:

untitledDebutterà infatti Watly, il primo computer in grado di purificare l’acqua. Frutto del lavoro di una mente italiana, Marco A. Attisani, Walty è un computer termodinamico che utilizza l’energia solare per depurare l’acqua da ogni forma di contaminazione rendendola completamente potabile. Non solo. Può fornire anche elettricità e connessione a Internet. “Siamo molto felici di poter finalmente mostrare il frutto di quasi quattro anni di lavoro. A Roma vogliamo presentare una macchina che si propone di rivoluzionare lo scenario globale ed essere pioniere di un nuovo paradigma industriale e sociale basato sulla energy net” – spiega Attisani. A livello pratico, Watly è in grado di purificare fino a 3 milioni di litri di acqua all’anno e genera la stessa energia necessaria al suo funzionamento. Non richiede quindi carburante o connessione alla rete elettrica. (da intelligonews.it)

clicca mi piace
The following two tabs change content below.
Due mie passioni si incontrano qualche tempo fa, quella per la scrittura e quella per il mio paese, nasce così il Blog del Made in Italy. E come si potrebbe non amare l'Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: l'Italia (Henryk Sienkiewicz)
Share

Rispondi

Benvenuto in Made Italia! Clicca