Ricette d’Italia: Cotoletta alla milanese

0
Share

Il secondo che vi proponiamo oggi è uno dei piatti italiani più famosi del mondo: la cotoletta alla milanese. Per una buona riuscita deve esser utilizzata la lombata o costoletta di vitella da latte che deve poi venir fritta, secondo la tradizione, nel burro, fino ad acquistare la cosiddetta forma a “orecchia d’elefante”.

Il metodo di preparazione che vi proponiamo è quello di ricettedellanonna.net:

Tempo di preparazione: 10 minuti + 4 minuti di cottura per lato

Ingredienti (x 4 persone):

4 fettine di costoletta di vitello con l’osso

300 g di burro chiarificato per friggere o 1 litro d’olio per frittura

2 uova intere

farina 00 q.b.

pangrattato q.b.

sale e pepe

limone per servire

Preparazione:

Se le fettine di costoletta di vitella dovessero presentarsi troppo spesse battetele leggermente con un batticarne. Alternativamente potete chiedere al vostro macellaio di fiducia di renderle un po’ più sottili.

Salatele e pepatele su entrambi i lati.

Versate una tazza di farina in un piatto, una tazza di pangrattato in un altro piatto e sbattete le uova in un altro piatto ancora.

Incominciate infarinando le fettine di vitella, passatele poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato, pressandole bene. Se volete ottenere un’impanatura più spessa e croccante, ripassatele una seconda volta nell’uovo e nel pangrattato.

Fate fondere il burro chiarificato in una padella molto larga e scaldatelo bene. Friggete le cotolette alla milanese pochi minuti per lato fino a quando non risulteranno belle dorate.

Raccoglietele,  sgocciolatele bene e asciugatele con della carta assorbente la cucina. Servite le cotolette alla milanese ben calde accompagnate da fette di limone e da un’insalatina leggera, verdure al vapore o, se siete dei super golosi, da un bel piatto di patatine fritte.

 

 

clicca mi piace
The following two tabs change content below.
Due mie passioni si incontrano qualche tempo fa, quella per la scrittura e quella per il mio paese, nasce così il Blog del Made in Italy. E come si potrebbe non amare l'Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: l'Italia (Henryk Sienkiewicz)
Share

Rispondi

Benvenuto in Made Italia! Clicca