In Sicilia il vino bianco campione del mondo

0

“Nel cuore della provincia di Agrigento c’è un territorio sublime, dove la coltivazione della vite ha origini lontanissime. Il segno di questa vocazione si distingue nel paesaggio, dove le onde dei filari danno vita a infinite geometrie viticole, disegnando uno scenario emblematico della Sicilia del sole, della terra aspra e generosa che la civiltà della vite ha segnato in profondità.”

Bastano queste semplici parole sul sito web della Cantina vinicola CVA Canicattì a descrivere il territorio che ha dato vita all’ Aquilae Grillo Bio 2015, vino bianco vincitore del primo premio al XXIII “Concorus Mondial de Bruxelles”, considerato il campionato del mondo dei vini. L’edizione 2016 del concorso si è tenuta quest’anno a Plovdiv, in Bulgaria, con la partecipazione di 8750 vini provenienti da 51 nazioni. La giuria è stata formata da 320 degustatori, tutti professionisti del mondo del vino tra enologi, sommelier e scrittori di 50 nazionalità diverse.

Dietro a questa medaglia d’oro e al titolo di Vino Bianco Rivelazione c’è il lavoro immenso di un’intera regione, la Sicilia, che negli ultimi anni ha saputo cogliere i segnali delle ultime tendenze che vedono una crescente richiesta di vino Bio, arrivando oggi a coltivare ben 21.000 ettari e diventando la prima regione d’Italia con il 38% della produzione nazionale.

Per noi – ha dichiarato Giovanni Greco, presidente di CVA Canicattì – è una grande soddisfazione ricevere con il nostro primo bianco biologico, un riconoscimento così importante da questo Concorso enologico internazionale, unico nel suo genere per partecipazione e rappresentatività. Questo premio contribuisce sicuramente ad accendere ulteriormente i riflettori sui vini bianchi di Sicilia, che sembrano finalmente avere destato l’attenzione del mercato nazionale e internazionale, e conferma la nostra capacità di esprimere un’enologia rinnovata e moderna. Un modo di concepire il vino che ha saputo conquistare e convincere i consumatori e la critica di ogni parte del mondo”.

 

clicca mi piace
The following two tabs change content below.
Due mie passioni si incontrano qualche tempo fa, quella per la scrittura e quella per il mio paese, nasce così il Blog del Made in Italy. E come si potrebbe non amare l'Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: l'Italia (Henryk Sienkiewicz)

Ultimi post di Marco Tedesco (vedi tutti)

Rispondi

Benvenuto in Made Italia! Clicca